sabato 4 novembre 2017 ore 21

 UDINE – Auditorium Bellavitis – viale XXV Aprile 3

Fuck Me(n)

studi sull’evoluzione del genere maschile

I maschi. Di quello che fanno si parla sempre. Di come cambiano, di cosa provano, di cosa sentono, poco. Quasi niente.

Il femminile è sotto esame, lo si sviscera, lo si difende, lo si comprende.

Il maschile lo si dà per scontato, come un’attitudine immutabile, sempre uguale. Qualcosa si dice sull’omosessualità maschile. Per il resto poco. Quasi niente.

Abbiamo chiesto a tre autori di scrivere sulla maschilità eterosessuale, quella che è riconosciuta come “potente”, che ancora guida le sorti del mondo. Abbiamo chiesto di scrivere quello che nessuno dice.

Ne sono uscite tre storie che compongono un unico quadro, un’unica musica, un unico grido di battaglia (o di dolore), un trittico sulla maschilità da tre punti di vista differenti: un uomo deve fare i conti con la perdita del figlio che lui stesso ha dimenticato in macchina; un professore universitario fa sesso con le studentesse offrendo in cambio agevolazioni professionalizzanti; un marito picchia la moglie non riuscendo a dare forma alla propria debolezza.

Alex Cendron incarna tutti e tre restituendo un’unica storia, quella di un uomo che resiste alla debolezza fino a schiantarsi.

Uno spettacolo sull’universo maschile attraversato e colpito da cambiamenti epocali di genere.

SPETTACOLO VINCITORE DEL PREMIO GREAT 2013 / MIGLIOR MONOLOGO

  • CON
    Alex Cendron
  • DRAMMATURGIA
    Massimo Sgorbani, Giampaolo Spinato, Roberto Traverso
  • DA UN’IDEA DI
    Renata Ciaravino 
  • REGIA
    Carlo Compare
  • MUSICHE
    Elvio Longato
  • PRODUZIONE
    Festival Mixitè / Dionisi Compagnia Teatrale

ingresso €5 – biglietteria aperta in loco dalle ore 20