Teatro della Sete

Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale,
e il teatro è una grande forza civile,
il teatro toglie la vigliaccheria del vivere,
toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto,
della vita, della morte.

Leo De Berardinis

Teatro della Sete dal 2000 produce spettacoli teatrali di drammaturgia sia contemporanea sia originale, prediligendo per soggetto le tematiche sociale e per stile un linguaggio ironico, al contempo poetico.

Realizza letture con musica dal vivo, contenuti multimediali, organizza rassegne ed eventi, cura l’allestimento di mostre e scenografie.

Propone progetti culturali rivolgendosi al pubblico di tutte le età, con particolare attenzione al territorio, al patrimonio storico, etnografico e linguistico.

Valentina Rivelli

Valentina Rivelli

Pensando SETE io vedo ACQUA, che prende il colore di ciò che la contiene senza essere diversa da com’è.
Vita, purezza, movimento. In mille forme.
Quello che vorrei essere io, mentre cerco la verità del personaggio frugando dentro di me.

Caterina Di Fant

Caterina Di Fant

Mi asseta una domanda limpida a cui trovare più di una risposta.
Mi disseta la cura, arte costante della conoscenza di sé, della ricerca di sé nell’altro.
Sulla terra del teatro, sia in scena sia a laboratorio, le parole arrivano da sé, a volte dette dagli occhi, a volte tracciate dai corpi.

Serena Giacchetta

Serena Giacchetta

Spesso non trovo le parole e quindi disegno.

www.nenadisegni.it

Cristiano Mancini

Cristiano Mancini

Arcimboldo pop della materia invisibile,
disegno scarabocchio, coloro, dipingo
praticamente da sempre.

Lucia Linda

Lucia Linda

Interpretare un personaggio è come immergersi nell’acqua: sospendere il giudizio, per cercare di andare in profondità, abbandonando la sicurezza della terraferma, muovendosi però con leggerezza.
Nata sotto un segno d‘acqua, sempre mi affascina l’instabilità liquida, ossia la potenzialità dell‘improvvisazione scenica, la creatività che scaturisce dal dubbio o dall’errore, il disequilibrio che muove e fa cambiare prospettiva.

Giorgio Parisi

Giorgio Parisi

Placo la mia sete trasformando l’aria in suono.

Michele Polo

Michele Polo

Non so se ho mai incontrato qualcosa di più complesso della drammaturgia.
Ma persevero.
Per scrivere una storia l’unica via è scrivere spesso.
Con le mie mani grandi scrivo. Suono il pianoforte. Mostro il mondo ai burattini.
E viceversa.

Maurizio Burelli

Maurizio Burelli

Webmaster, dispensatore di consigli.

Annamaria Lo Monaco

Annamaria Lo Monaco

Filosofa, lavoro con l’approccio Gestalt.

Disseto con domande di tutti i gusti.

Da aprile 2021 sono La Presidente di questa avventura.