Mantenere la propria autenticità nella realtà quotidiana, possedere il potere quasi magico del “qui e ora”, mentre il vento scuote il mondo tutt’attorno con velocità elevata, non è semplice, ma necessario per vivere in armonia con se stessi e con il mondo. È importante riflettere sui luoghi e sulle persone che con noi li abitano, sull’atmosfera sociale accogliente e aperta che anche in noi mette le sue radice.

S/confinate: tre corti multimediali, 3 istantanee dell’anima, 3 ritratti, specchi del volto e dell’animo umano, tre donne a confronto con uno spazio recluso, ristretto, e la loro libertà di spaziare controcorrente.

Io, il Lupo e i biscotti di cioccolato (ispirato al libro Io, il lupo e i biscotti al cioccolato di Delphine Perret #logosedizioni 2012) spettacolo che pone in primo piano uno spassoso rovesciamento di ruoli tra due personaggi tipici dei racconti per l’infanzia.

Parole e Sassi, vincitore del premio “Eolo 2013” come miglior progetto creativo, una proposta per le giovani generazioni e le scuole che ripercorre in un modo innovativo il dramma di Antigone per ragionare sulle relazioni interpersonali, sulla giustizia e sul potere. Lo spettacolo, creato dal Collettivo Progetto Antigone e diretto da Letizia Quintavalla, viene distribuito in FVG dal Teatro della Sete in due versioni, una dedicata agli adulti, in particolar modo alle donne, l’altra al pubblico dei bambini.

Gli spettacoli di burattini di Michele Polo Diavoli e fiori e Baci, abbracci & bastonate, che vedono coinvolte le maschere della Commedia dell’Arte in storie stilizzate e rocambolesche.

Squarciapace affronta le paure dei piccoli e grandi.

Falù, spettacolo di Teatro di Figura che racconta la storia di un bambino che si perde ma grazie all’amicizia scopre di non essere più solo.

Lenghe di Glerie, un viaggio musicale lungo un fiume.

Di seguito le presentazioni degli spettacoli… per ascoltare, visionare e ripensare il mondo tutt‘attorno (illustrazione in copertina di Serena Giacchetta)