• "
  • TSU - Teatro Sosta Urbana 2020
    "

TSU | TEATRO SOSTA URBANA 2020 | dettagli d’inverno

seguici su fb: TSU Teatro Sosta Urbana  |  iscriviti alla newsletter TSU Eventi

Istruzioni per rendersi infelici è il titolo del workshop gestalt-filosofico che di fatto apre TSU Dettagli d’inverno e ne anticipa perfettamente gli intenti: il paradosso, l’impossibilità di incasellare, di chiudere in una formula ciò che si vede e si ascolta; la voglia di confrontarsi con ciò che non si conosce, a partire dalla allegra follia di Happy di Mark Kevin Barltrop e dal viaggio nella Istanbul caleidoscopica e controversa vista con gli occhi di una ispiratissima Deniz Özdoğan.
E ancora Va pian e fa presto la paradossale performance del duo circense Viso&Rachel. E altrettanto sfuggenti alle definizioni risultano Artifragili che esplorano i punti di contatto tra il Kabarett di Karl Valentin e la scrittura aperta di Davide Rossi; e poi la compagnia Dimitri/Canessa, che con grande originalità gioca sulla domanda “Immagina che ti resti un solo minuto da vivere… che fai?”.
Il desiderio di oltrepassare il conosciuto costituisce anche il corpo a corpo della compagnia Arearea in BOX_TWO, mentre La Ribalta Teatro gioca sull’incredulità davanti a un fenomeno talmente vero e imponente da sembrare finto, quello che viene definito Il settimo continente.
E tutto questo compone il desiderio di TSU di continuare a esplorare grazie a tutti voi che continuate a seguire e sostenere questo progetto di spettacolo dal vivo diffuso e condiviso…

Sponsor TSU

ANTEPRIMA: sabato 28 dicembre 2019

h. 15.00 / Workshop
Libreria Friuli
A cura del Centro Gestalt Udine

ISTRUZIONI PER RENDERSI INFELICI

Un incontro con Annamaria Lo Monaco in cui alternare riflessioni filosofiche ed esperienze gestaltiche sulla felicità (o sulla filocità).

Posti limitati, info e prenotazioni: 338 3007 500 | teatrodellasete@gmail.com

17.30 + 18.30 / Largo del Pecile
di e con Mark Kevin Barltrop

HAPPY, PERFORMANCE DI TEATRO E MUSICA

Non è uno spettacolo, ma non lo chiamerei neanche un concerto. Forse fa ridere, alcuni hanno pianto, credo possa lasciare indifferenti. È una specie di viaggio, anche se non si parte e non si arriva di certo. Ci sarà del prurito, almeno spero, qualche scivolone, portate l’ombrello, copritevi il naso, rifiutate la malattia, mettete giù le bottiglie. Ci sono libri nella mia libreria che non ho mai letto.

Questa è una performance indecisa, piena di domande, priva di risposte. Con il naso tinto di rosso e la paura del freddo. Adatta a grandi e piccini, ma quelli grandi dietro che altrimenti i piccini non vedono.

mercoledì 8 gennaio

h. 19.00 + 20.00 / Performance di circo contemporaneo
Teatro San Giorgio, via Quintino Sella — Sala Cechov
Co-produzione: Circo all’inCirca, La Central del Circ, Fabbrica C.

VA PIAN E FA PRESTO

Viso&Rachel con Aida Talliente

Maschio e femmina, lento e veloce, alto e basso, forte e agile.
Due corpi completamente diversi cercano di comunicare attraverso la disciplina del mano a mano. Forse si amano, forse si odiano, forse non si capiscono e basta.

Ingresso € 3,00 | Posti limitati | Prenotazioni 371 4828121 / 338 3007500

h. 21.00 / Prima regionale
Teatro San Giorgio, via Quintino Sella
Deniz Özdoğan

ISTANBULBEAT

di e con Deniz Özdoğan
regia di Aleph Viola
con la complicità del musicista Tommaso Rolando e Ruben Esposito

Lo spettacolo è un viaggio in 7 capitoli. Una cantata, un omaggio, un tentativo di riconnessione che Deniz Özdoğan dedica alla sua città, croce e delizia della multiculturalità, al grande ventre che l’ha generata, alla sua Istanbul. In questa fase così violenta che sta attraversando la Turchia è un atto di riscrittura magica della propria storia, incontrando con amore i fantasmi del passato, per aprire una porta sul presente.

Deniz Özdoğan è un’attrice turca naturalizzata italiana. Considerata una fuoriclasse della scena, tra i maggiori riconoscimenti, ha vinto il Golden Graal, il Premio Ristori, il Golden Boll come miglior attrice.

Ingresso € 7,00

giovedì 9 gennaio

h. 19.00 + 20.00 / Performance
Teatro San Giorgio, via Quintino Sella — Sala Cechov
Compagnia Artifragili

AMARTIAMORTE

con Alejandro Bonn e Davide Rossi
testi Karl Valentin e Davide Rossi
regia Omar Giorgio Makhloufi

Due attori. Due uomini. Un figlio adottato. Un divorzio.
Come passare da amanti consumati a consumatori dell’amore.
Non esiste più il “per sempre” ma solo il Last minute: amori lampo, come le guerre…
In scena una coppia che ha in programma di andare a teatro per quella sera, ma che non riuscirà a raggiungere il proprio obbiettivo perché i due amanti realizzano che non esiste più nessun genere di amore tra loro. Preferiscono separarsi dando spettacolo di sé di fronte a tutti. E poi… un incubo. Il loro? O quello di tutti i presenti in sala?
La nostra ricerca sull’intrattenimento questa volta, sempre a partire da alcuni testi di Karl Valentin, ci porta a domandarci come siano fatti i fantasmi di un mondo che non riesce più a trovare spazio per l’amore.

Ingresso € 3,00 | Posti limitati | Prenotazioni 371 4828121 / 338 3007500

h. 21.00 / Prima regionale
Teatro San Giorgio, via Quintino Sella
Compagnia Dimitri / Canessa

AD ESEMPIO QUESTO CIELO

regia Elisa Canessa
con Federico Dimitri e Andrea Noce Noseda
costumi Joachim Steiner-Oberndörfer
disegno luci Marco Oliani
produzione Compagnia Dimitri/Canessa e Theaterwerkstatt Glais 5 (CH) con il sostegno di Fondazione culturale del Canton Turgovia, dipartimento città di Frauenfeld e Kulturpool Regio Frauenfeld (CH)

Immagina che ti resti soltanto un minuto da vivere? Che fai?
Chiede l’attore.
Non molti saprebbero rispondere a questa domanda. Soprattutto perché mentre ci stai pensando il minuto è ormai passato.
Raymond Carver, sulle cui parole poetiche è costruito lo spettacolo, sapeva cosa fare. Egli lavora incessantemente alla stesura del volume che raccoglierà tutte le poesie di una vita.
Una poesia semplice, umana. Capace di parlare e comunicare. Legata a doppio filo con la concretezza dell’esistenza. E che porta verso queste ultime, limpide, parole:

Hai avuto tutto quello che volevi, dalla vita, nonostante tutto? Sì. E cosa volevi? Potermi dire amato. Sentirmi amato sulla terra.
R. Carver, Ultimo Frammento

Ingresso € 7,00

venerdì 10 gennaio

h. 9.30 / Matinée per le scuole
Auditorium Zanon, viale Leonardo Da Vinci
Di Lisa Moras

TROPPO GENIO

con Alejandro Bonn
produzione Associazione Culturale Speakeasy

Con il sostegno di Fondazione Friuli e Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

h. 19.00 + 20.00
Hangar dell’I.S.I.S. Malignani, ingresso viale Cadore
Compagnia Arearea

BOX_TWO

coreografia di Roberto Cocconi e Luca Zampar
danzano Daniele Palmeri, Andrea Rizzo

Un cubo di plastica rappresenta il limite cogente di una breve condizione esistenziale. Due uomini chiusi all’interno interagiscono per realizzare una scienza coerente al loro agire, percepire, sapere, apprendere. Ognuno è necessario all’altro, ognuno si realizza grazie all’altro. Tuttavia lo spazio è rapidamente insufficiente e l’orizzonte non è che la proiezione di ciò che si muove all’esterno ma che, allo stesso tempo, risulta irraggiungibile. La cattività dell’individuo, la cattività della ragione genera una cultura limitata, portata all’auto- emulazione. E così i due uomini nel cubo generano un lessico obbligato che li imprigiona nella condizione ciclica in cui ad uno stato di calma meditativa si susseguono tempi di concitazione intellettuale e momenti ansioso-depressivi con note di maniacalità.

Ingresso € 3,00 | Posti limitati | Prenotazioni 371 4828121 / 338 3007500

h. 21.00 / Prima regionale
Teatro San Giorgio, via Quintino Sella
La Ribalta Teatro

IL SETTIMO CONTINENTE
Uno spettacolo sulla plastica che ci sommerge

di e con Alberto Ierardi, Giorgio Vierda e Luca Oldani
disegno luci Alice Mollica
costumi Chiara Fontanella
realizzato in collaborazione con Teatrino dei Fondi, Earthink Festival

premiato a Giovani Realtà del Teatro della Civica Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe di Udine, Minimo Teatro Festival, Earthink Festival, Inventaria

Nell’Oceano Pacifico si è formato un enorme agglomerato di plastica: un’isola grande tre volte la Francia e chiaramente visibile dallo spazio. Lo chiamano Pacific Trash Vortex. La Ribalta Teatro ribattezza l’isola il “settimo continente”.
Tre “guide turistiche” ci raccontano usi, costumi, tradizioni popolari, cucina, hobby e sport di questo nuovo mondo. Il loro scopo è pubblicizzare l’isola come appetibile meta turistica.
Così inanellano situazioni surreali colme di paradossi comici dove tutto sembra lontano dalla realtà, leggero, quasi frivolo.
Il problema è che il “settimo continente” esiste davvero!

Ingresso € 7,00

sabato 11 gennaio

h. 9.30
I.S.I.S. Malignani

DALL’ABACO AL MICRO PC

Attraverso una vasta ed articolata esposizione di strumenti da calcolo, calcolatrici, computer e componentistica informatica, il visitatore ripercorre le tappe di una veloce evoluzione che ci ha portato nell’era digitale.

Posti limitati | Prenotazioni 371 4828121 / 338 3007500