La Notte Dei Lettori – stazione Riva Bartolini | Udine | 9 Giu 2018

alla 5^ edizione de LA NOTTE DEI LETTORI

Teatro della Sete e SpiceLapis Collettivo Illustratori FGV, in collaborazione con Vicino/lontano, vi aspetteranno per

MACERIE
reading con proiezione

sette poesie di Laura Accerboni, giovane e affermata poetessa genovese, ispirate all’opera di Anselm Kiefer

lette da Caterina Di Fant e Valentina Rivelli
illustrate da Ksenja Laginja, Silvia Di Natale, Sara Zanello, Patrizia Loccardi, Mavi D’Andrea, Serena Giacchetta, Michela Borean e Francesca Macor del Collettivo Illustratori FVG SpiceLapis

Falù a èStoria | Gorizia | 19 Mag 2018

a èStoria – XIV Festival internazionale della Storia
tema dell’edizione 2018: MIGRAZIONI

andrà in scena Falù
spettacolo di teatro di figura con pupazzi e due attori

con Michele Polo e Serena Di Blasio
regia Yevgeni Mayorga
aiuto regia Valentina Rivelli
drammaturgia Michele Polo
pupazzi e scene Virginia Di Lazzaro
musiche Alan Malusà Magno

APE BLUES a Terminal | Festival dell’Arte in Strada | 18 Mag 2018

a Terminal | Festival dell’Arte in Strada 2018, va in scena APE BLUES, un cabaret ironico e poetico con musica e disegni dal vivo

di e con Serena Di Blasio
alla chitarra Matteo Sgobino
al contrabbasso Marzio Tomada
disegni dal vivo di Massimiliano Gosparini

“Oh, era una dannata artista, man.
Era una dal cuore ubriaco e dalla vita così misteriosa.
Ballava in una lingua sconosciuta.
Molti non la capivano e non l’avrebbero capita mai, man.
Era un’artista incompresa. Ma a lei non importava.
L’unica cosa importante per lei era ballare.”

PAROLE E SASSI a Vicino/Lontano 10 Mag 2018

alla 14esima edizione di Vicino/Lontano

PAROLE E SASSI
con Valentina Rivelli

Antigone, antica vicenda di fratelli e sorelle, di patti mancati, di rituali, di leggi non scritte e di ciechi indovini, è stata narrata nei secoli a partire dal dramma scritto dal poeta greco Sofocle nel 440 a.C.
Ora, diciannove attrici, ognuna nella propria regione, solo con un piccolo patrimonio di sassi, la raccontano alle nuove generazioni, che a loro volta la racconteranno ad altri.

“Mi chiedo cosa mi spinge, una volta dopo l’altra,
a raccontare questa storia di coraggio e di lutti.
Forse la speranza che quelli che ascoltano
possano guardare e capire le azioni degli esseri umani.”
(dall’Antigone di Gita Wolf)

ingresso gratuito

Di Blasio, Oscuro e Somaglino a Speakeasy | Liberazione 20 Apr 2018

“… credo che questa sia una storia che racconta i cambiamenti.
I cambiamenti delle persone.
Più precisamente racconta di come un avvenimento epocale, intensamente drammatico quale è stata la seconda guerra mondiale, con l’occupazione tedesca dell’Italia settentrionale e la Resistenza, possa cambiare profondamente le persone, dividere la loro esistenza in un “prima” e un “dopo”, trasformarle nel carattere e nel modo di affrontare la vita.
A scene alterne vediamo il “prima” e il “dopo” di due donne. Due momenti diversi della loro vita.” Massimo Somaglino, regista di Liberazione

Teatro della Sete a Vento d’Estate | 22 Lug 2017

Rassegna Vento d’Estate / Circolo Arci Mis(s)kappa
doppio appuntamento al Parco Vittime delle Foibe

alle ore 17 SOGNI NEI CASSETTI
spettacolo per bambini da 3 a 8 anni

alle ore 21 … E ALLORA COLPISCI!
spettacolo per adulti

TSU | TEATRO SOSTA URBANA 2017 | comunicato stampa

EPICENTRI – Teatro Sosta Urbana parte con la quinta stagione

In scena 12 spettacoli e 3 laboratori teatrali per la rassegna udinese che porta il teatro nei luoghi più vicini ai cittadini: i loro quartieri

Vedi il programma completo

TSU5 sta per partire, e lo fa mantenendo la sua identità caratteristica: quella di teatro diffuso. Infatti, la quinta edizione “Epicentri”, organizzata dal Teatro della Sete in collaborazione con il Comune di Udineassessorati alla Cultura e al Decentramento – e il sostegno di Regione e Fondazione Friuli, avrà luogo da luglio 2017 a gennaio 2018 in spazi inconsueti della città di Udine. Il cartellone propone 12 spettacoli e 3 laboratori uniti da un obiettivo: diffondere la cultura del teatro per creare incontro e scambio. Questo spostandosi e regalando a diversi pubblici, compresi quelli che generalmente non vanno a teatro, la possibilità di assistere a performance di qualità messe in scena da compagnie italiane ed estere.

Teatro Sosta Urbana, che partirà giovedì 6 luglio al Parco Sant’Osvaldo con lo spettacolo PAROLE – FEMMINA, rappresenta da sempre l’immagine di un teatro che si mette a nudo, che vuole proporsi all’intera comunità e per farlo porta sul palco svariate tematiche: dalle mutazioni della società odierna, alla relazione tra i singoli. In una scena dove ogni spettatore sarà parte integrante del racconto, si parlerà di unioni e di opposizioni: dall’uomo alla donna, dal bambino all’adulto, dal cittadino al migrante. Ci si confronterà con i sentimenti umani più controversi, tra identità rivendicate o nascoste dietro maschere.

Ed ecco che il fil rouge che lega tutte le rappresentazioni si traduce in una domanda: è possibile comprendersi? “In tempi in cui siamo chiamati a confrontarci sempre più spesso con l’altro – spiega il direttore artistico Andrea Collavinoin cui l’altro è sempre più inconosciuto, come facciamo a capirci, e soprattutto quanto è difficile la strada per la comprensione?” .

Molti sono gli spettacoli della nuova rassegna, in tutti ci si muove tra diverse comunicazioni, verbali e non verbali, come nel caso del primo spettacolo PAROLE – FEMMINA (giovedì 6 luglio ore 21, Parco Sant’Osvaldo) dialogo ludico tra parole e musica, o quello del poliedrico burattinaio sloveno Matija Solce con il suo HAPPY BONES (giovedì 13 luglio ore 18 e ore 21, Parco Sant’Osvaldo) o dello spettacolo muto “YOU DON’T SAY IT” (2 settembre ore 21, Teatro Parrochia S. Marco) che segue il laboratorio di maschera espressiva di Branko Zavrsan. Ci si interfaccia anche con i ruoli, maschile e femminile, attraverso il pungente “FUCK ME(N)”(sabato 4 novembre, ore 21, Auditorium Bellavitis), che ribalta la visione dell’uomo odierno attraverso il racconto di tre autori che parlano della “maschilità” in tutte le sue forme.

E ancora i giorni nostri, anche quelli più crudeli, con una prima assoluta firmata Teatro della Sete: “FALU’” (sabato 14 ottobre ore 17.00, Auditorium Don Bosco, Bearzi) storia di un pupazzo che veste come quel bambino sulla spiaggia, la cui foto è divenuta simbolo della crisi umanitaria legata all’immigrazione. Si parte dalla realtà e si prova ad immaginare una storia che, raccontata in diversi epicentri, vuole lanciare un messaggio forte e chiaro: poco importa la nazionalità, la direzione, il sesso, ciò che è davvero importante è comprendersi, per riuscire a trovare la propria libertà.

Non solo spettacoli, a corredare la rassegna anche tre laboratori aperti a professionisti e non: il primo di maschera espressiva con l’attore Branko Završan (1, 2, 3 settembre), a seguire quello di scrittura con il famoso drammaturgo Fausto Paravidino (gennaio, Casa Cavazzini) per finire con il laboratorio rivolto a gruppo formato da minori stranieri non accompagnati ospitati alla Casa Don Bosco dell’Istituto Bearzi assieme agli studenti delle scuole superiori di Udine, organizzato dal Collettivo TSU (dicembre/febbraio, Bearzi). Ciascuno avrà durata da 4 a 8 incontri, con spettacolo finale.

 Teatro Sosta Urbana accompagna il pubblico in diversi percorsi, ma al contempo propone delle pause di riflessione, come afferma l’assessore alla Cultura della città di Udine Federico Pirone: “Quanto è diventato difficile sostare? Quanto ci sfugge nella frenesia delle nostre vite? TSU è un’occasione per riappropriarci di noi stessi e del nostro tempo nei luoghi che più abbiamo vicini, i nostri quartieri – continua Pirone – con TSU la città di Udine offre un ottimo palcoscenico per le giovani compagnie e i giovani autori, regionali e nazionali, che sperimentano il loro talento in luoghi alternativi, nei quali la cultura diventa incontro, scambio tra persone. Questi sono tra i motivi che ci hanno spinto a sostenere questa rassegna fin dal 2014: un percorso serio nella vita delle nostre comunità”.

In TSU5 saranno importanti anche le location: Parco Sant’Osvaldo, Auditorium Bellavitis, Istituto Salesiano Bearzi, a rimarcare come alcuni “epicentri” simbolo di Udine siano spesso nelle sue periferie, ma ne raccontino in egual modo la storia.

L’epicentro è il centro di diffusione di un fenomeno. – racconta Serena Di Blasio del Teatro della SeteChe questo centro sia spostato rispetto al centro fisico di una città rende la diffusione più laterale e meno scontata. Il centro di una narrazione senza limiti geometrici di spazio” .

Proprio per questo motivo, a sostegno della rassegna non poteva mancare l’Assessorato al Decentramento: “TSU fa parte di Udine. Di tutta Udine – afferma l’assessore Antonella Noninodalle sale ai parchi, dal divertimento alla riflessione TSU sa offrirci rassegne nuove che sentiamo vicine nello spazio e nei temi trattati, in grado di sorprenderci, farci ridere e pensare. Un successo che cresce, confermato dai grandi risultati di pubblico. Per questo a TSU va il nostro appoggio, perché mantiene la voglia di promuovere l’arte e il teatro in ogni luogo”.

La rassegna è realizzata dal Teatro della Sete in collaborazione con il Comune di Udine – assessorati alla Cultura e al Decentramento – e il sostegno di Regione e Fondazione Friuli, nell’ambito del bando arti sceniche.

Posto unico 5,00 €

Apertura biglietteria nello stesso luogo dello spettacolo, un’ora prima.

Spettacoli estate 2017

21 luglio ore 21
Finché Morte Non Ci Separi
LORENZAGA, piazzale della chiesa (anche in caso di pioggia)
Motta di Livenza (TV)
ingresso libero

22 luglio ore 17
Sogni Nei Cassetti
UDINE, Parco Vittime della Foibe, via Bertaldia
Rassegna Vento d’Estate Circolo Arco Mis(s)kappa
ingresso libero

22 luglio ore 21
E allora Colpisci
UDINE, Parco Vittime della Foibe, via Bertaldia
Rassegna Vento d’Estate Circolo Arco Mis(s)kappa
ingresso libero

26 luglio ore 21.15
Finché Morte Non Ci Separi
BUDOIA di Sacile (PN)
in caso di pioggia al Teatro Dargaro
Rassegna teatrale Scenario d’Estate
ingresso libero

27 luglio ore 21.15
Finché Morte Non Ci Separi
LUGUGNANA di Portogruaro (VE)
ingresso libero

27 agosto (orario in via di definizione)
Baci Abbracci e Bastonate
TERENZANO (UD), Fieste dal Paîs
ingresso libero

9 settembre ore 17
Paroel e Sassi
UDINE, Parco Vittime della Foibe, via Bertaldia
Rassegna Vento d’Estate Circolo Arco Mis(s)kappa
ingresso libero

16 e 17 settembre (orario in via di definizione)
Baci Abbracci e Bastonate
SACILE (PN)
Festival di Teatro in piazza
ingresso libero

TSU | TEATRO SOSTA URBANA 2016/2017 – programma

domenica 21 maggio ore 20.45
c/o Festival TERMINAL – piazza Venerio – Udine
FRAGILE XXL
con 
Benoit Roland, Emanuele Pasqualini, Emmanuelle Annoni, Pol Casademunt, Flavio Costa
regia 
Ted Keijser
produzione 
Pantakin Circo Teatro (Venezia) / Compagnie AD HOC (Francia)

domenica 2 aprile 2017 ore 20.45
Circo all’inCirca – via Piemonte 84/8 – Udine
WUNDERKAMMER
con 
Natalie Norma Fella e Irina Lorandi
regia 
Paola Aiello, Natalie Norma Fella, Irina Lorandi
produzione 
WunderTruppe – Milano/Udine

sabato 18 marzo 2017 ore 20.45
Auditorium Bearzi – via Don Bosco 2 – Udine
LITTLE NIGHT TALES
di Matija Solce e Vida Bren Cerkvenik
con Matija Solce
produzione Matita – Slovenia

sabato 11 marzo 2017 ore 20.45
Sala Spazio Venezia – via G. Stuparich 2 – Udine
PELI
di Carlotta Corradi
con Alex Cendron e Alessandro Riceci
regia Veronica Cruciani
produzione Quattroquinte in collaborazione con OffRome – Roma

domenica 22 gennaio 2017- ore 17.30 apertura della rassegna Teatrolandia 2017
Sala Comelli – viale Volontari della Libertà 61

SQUARCIAPACE
spettacolo teatrale per famiglie e bambini dai 5 anni
di e con Caterina Di Fant e Lucia Linda
regia Valentina Rivelli
produzione Teatro della Sete, Udine

venerdì 13 gennaio 2017, ore 20.30
Auditorium Bellavitis – viale XXV Aprile 3

DOPODICHé STASERA MI BUTTO
di e con Enrico Pittaluga, Graziano Sirressi, Andrea Panigatti, Luca Mammoli
regista e co-autore Riccardo Pippa
produzione Generazione Disagio / Proxima Res (Milano)

martedì 27 dicembre 2016, ore 18.30 e 21
Parco di Sant’Osvaldo, Palazzina 14 – via Pozzuolo 330
AMIDA
di Carlo Tolazzi
con Lucia Linda e Ornella Luppi
regia Serena Di Balsio
scene e costumi Tiziana De Mario
produzione Associazione Amideria Chiozza (Udine)

sabato 10 dicembre 2016 doppio sguardo su Gogol’
Auditorium Bellavitis – viale XXV Aprile 3

IL CAPPOTTO ore 18.30
liberamente tratto da “il Cappotto” di Nikolaj Vasil’evič Gogol’
con Ines Banini, Giancarlo Ceresatto, Giacomo Cristante, Gabriele Demo, Umberto De Vittor, Thomas Fabbro, Guido Lena, Telma Minatel, Emanuela Piccioni, Tommaso Romano, Alessio Simionato, Ugo Stella, Walter Zago, Daniele Zanin
regia Lucia Linda e Valentina Rivelli
produzione gruppo teatrale Noi Artisti Onlus (Pordenone)

    a seguire

IL CAPPOTTO ore 21
spettacolo di circo teatro ispirato a “il cappotto” di Nikolaj Vasil’evič Gogol’
di e con Davide Perissutti, Marco Floran, Irene Giacomello
produzione Circo all’inCirca (Udine)

giovedì 1 dicembre 2016 ore 20.45
Teatro Nuovo Giovanni da Udine, via Trento 4 – Udine
TSU TAL TILIMENT, CUN DONALD
serata psychedelic pop furlan al Festival SUNS Europe 2016

tratto da “Donald dal Tiliment” di Stefano Moratto
con Paola Aiello, Barbara Bregant, Andrea Collavino, Caterina Di Fant, Claudio Gabrieli, Lucia Linda, Nicoletta Oscuro, Federico Scridel, Micol Sperandio, Valentina Rivelli, Aida Talliente
musiche dal vivo The High Jackers, alias Stefano Taboga, Alan Malusà Magno, Marzio Tomada, Marco D’Orlando
disegni dal vivo Paolo Cossi
produzione Collettivo TSU (Udine)

domenica 27 novembre 2016 ore 20.30
Palestra ASU – via Lodi 1 – Udine
RIBELLIONI POSSIBILI
di Luis Garcìa-Araus e Javier Gracìa Yagüe
con Caterina Bernardi, Angelica Bifano, Jacopo Bottani, Federica Di Cesare, Massimiliano Di Corato, Gilberto Innocenti, Clara Roberta Mori, Davide Pachera, Stefano Pettenella, Miriam Russo
produzione Amalgama – Udine

TSU | Teatro Sosta Urbana | FuoriRotta

Giunto alla quarta edizione TSU apre le porte a venti nuovi e linguaggi diversi, ospita giovani compagnie, artisti italiani e stranieri e veleggiando fuori rotta prova a raccontare variabili, contraddizioni, sfumature e anomalie del nostro vivere quotidiano.

Il Teatro diventa luogo di scambio vitale e prezioso, dove anche i dubbi, le fragilità e le mille incertezze del quotidiano possono diventare le lenti attraverso cui osservare il mondo, i punti d’appoggio per muovere un passo, i terreni fertili di una nuova rotta possibile.

vai al calendario

“Siamo molto orgogliosi di come questa rassegna sia entrata, in poco tempo, nel cuore del pubblico. La forza di questo piccolo-grande progetto è riuscire a essere teatro insieme agli spettatori che si sono sentiti, fin da subito, una parte fondamentale di questo percorso. In un mondo che dimentica troppo spesso il valore delle persone e tende a escludere più che includere, questa città invece intende ribadire la necessità dell’incontro, dell’apertura, del dialogo tra le persone, partendo dai quartieri e dagli stimoli che ci propone la cultura. Benvenuti a bordo di questa nuova avventura!” Federico Pirone – assessore alla cultura del Comune di Udine

“Cominciato come un esperimento Teatro Sosta Urbana si conferma come una rassegna attesa, che viaggia alla scoperta dei quartieri della città. Ogni viaggio ci regala un’esperienza nuova aperta a tutti. Siamo orgogliosi sempre più di questa esperienza di arte e dell’impegno in un’ottica di prossimità; in momenti in cui vicinanza, incontro e partecipazione sono essenziali per la costruzione di comunità sostenibili.” Antonella Nonino – assessore al decentramento del Comune di Udine

TSU è un progetto voluto congiuntamente dagli assessorati alla Cultura e al Decentramento del Comune di Udine e messo in campo da un Collettivo di professionisti del teatro da anni operanti sul territorio per portare il teatro in ogni luogo della città non solo negli spazi “convenzionali”, ma anche e soprattutto tra la gente, fuori dai palcoscenici tradizionali un’idea di teatro che parli direttamente con le persone, che sia popolare, comunicativa e allo stesso tempo accurata un teatro che desidera riallacciare i fili con la comunità da cui nasce e per cui esiste.


seguiteci su fb: TSU Teatro Sosta Urbana